bandorkestra diretta da marco castelli


13 musicisti e un direttore in una una miscela di swing, ska, boogie-woogie, afro, latin, reggae, il concerto della BandOrkestra, divertente, ricco di energia, di colori imprevedibili ed assolutamente unico nel genere, presenterà nel 2015 le composizioni di maggior successo degli ultimi dischi Bandando e Scorribanda, che il pubblico ha potuto ascoltare negli ultimi anni, in trasmissioni come Caterpillar, Fahrenheit, Ho perso il trend, Notturno Italiano, Battiti, Ballarò e tante altre radio in Italia

bandorkestra diretta da marco castelli scorribanda

acquista il CD dal sito della CNI

iTunes_ ascolta le anteprime e acquista!

scarica una compilation in omaggio!

Fresco, trascinante, entusiasmante… a tratti anche commovente: queste le valutazioni che mi sono sorte spontanee dopo aver ascoltato due volte di seguito questo eccellente album. Ci vogliono idee chiare, tanta abilità strumentale e di arrangiamento… e tanto, tanto coraggio per affrontare partiture celebri e ripresentarle in veste "bandistica". Eppure l'orchestra, inventata e diretta da Marco Castelli una decina d'anni fa, è pienamente riuscita nell'intento fornendo interpretazioni tutte riconducibili ad una precisa cifra stilistica assolutamente originale e quindi fortemente identitaria. Insomma appena la si ascolta si capisce immediatamente che siamo dinnanzi alla BandOrkestra con il suo fantastico andamento che tutto travolge come una sorta di rullo compressore grazie ad una possente sezione fiati e ad una ritmica fortemente propulsiva. Ma non si creda che nell'album non siano contenuti momenti di dolcezza, di rara sensibilità: si ascoltino al riguardo il celeberrimo "Quizas, quizas, quizas" di Farres caratterizzato da un assolo di Alessandro Simonetto al violino e "Acqua" di Marco Castelli, un brano a tratti commovente il cui tema viene minuziosamente cesellato dal flautista Tommaso Bisiach. E alla luce di queste considerazioni appare quanti mai centrato anche il titolo "Scorribanda". In effetti il gruppo capitanato da Marco Castelli effettua delle vere e proprie incursioni nella musica combinando delle medley a prima vista improbabili ed invece dense di fascino caratterizzate come sono da un'energia straordinaria e da un fascinoso mélange di swing, ska, boogie woogie, afro, latin reggae… e chi più ne ha più ne metta a conferma da un canto della grande conoscenza dell'orchestra, dall'altro della sua estrema versatilità. Così BandOrkestra passa con grande disinvoltura da Shearing, Rodgers e Gershwin (accomunati in una medley dal significativo titolo "Lullaby of Birdland") ai Beatles o ancora a Michael Jackson, autori tutti rivisitati con grande originalità e competenza. (Gerlando Gatto)



bandorkestra diretta da marco castelli

BandOrkestra.55 diretta da Marco Castelli

Tommaso Bisiak flauto- Andrea Monterosso violino- Alessandro Ceschia sax- Sergio Tonello sax- Piero Pieri - sax Cristina Gerin sax- Barbara Toso sax- Donato Riccesi sax- Sandro Vilevich tromba- Emanuele Laterza chitarra- Giovanni Vianelli pianoforte- Stefano Lesini basso- Marco Vattovani batteria

....dalla stampa....

che ci si senta al Carnevale di Rio o in un vecchio club boogie non importa, la gioia e la voglia di muoverti a tempo sono sensazioni che rimangono a lungo sulla pelle dopo aver ascoltato quest'album…

...disco fresco, a tratti entusiasmante, che si ascoltatutto d' un fiato senza un attimo di stasi...

…ne vien fuori un album piacevolissimo, colorato e divertito, che dàalmeno un'idea del clima che l'orchestra deve essere capace di creare nelle esecuzioni dal vivo… ….la band marcia come un rullo compressore forte della sua possente sezione di fiati e di una ritmica tritatutto, senza però tralasciare qualche residua finezza nell'esposizione dei temi e nel dipanarsi degli assoli ...

….Il fatto è che Marco Castelli è stato assai bravo a mettere su una formazione assolutamente atipica nel senso che è in grado di transitare da un terreno all'altro senza la minima difficoltà sì da affrontare un repertorio quanto mai variegato…

…il CD è un afresco sonoro gradevolissimo dentro cui trovano spazio storie d'Africa e di Medioriente, racconti balcanici e argentini, frammenti d'improvvisazione e feste di piazza…

…..L'universo sonoro di BandOrkestra.55 è tanto eterogeneo quanto fiammeggiante. Le citazioni, anche colte, non mancano ma il risultato è divertente e fieramente multicolore…

….Sound differenti provenienti da ogni angolo del globo si uniscono in un risultato coinvolgente e poco comune. Citazioni sonore multiple, musicali ma anche cinematografiche, per un percorso a zig zag nel tempo e nello spazio, sostenuto alla perfezione dai numerosissimi elementi della band...

….la Bandorkestra.55 di Castelli, che si autodefinisce ´Banda Moderna´ (e ne ha tutte le ragioni), riesce a coniugare le più disparate influenze musicali e una particolare inventiva compositiva, davvero sorprendente…

 

La BandOrkestra.55 è prodotta dalla Casa della Musica di Trieste